Ai gentili Clienti
Loro sedi


OGGETTO: Opzione Irap entro l'1 marzo

Imprese individuali e società di persone

La Finanziaria 2008 ha introdotto una diversa modalità di determinazione della base imponibile per le società di persone e le imprese individuali, rispetto alle società di capitali.
Per tali soggetti la base imponibile è data dalla differenza di determinate componenti positive di reddito (indicate facendo diretto riferimento al testo unico delle imposte sui redditi) e determinate componenti negative di reddito (determinate facendo sempre riferimento al Testo unico delle imposte sui redditi).

In particolare la base imponibile si determina quale differenza tra i "valori fiscali" dei seguenti componenti:
ricavi;
variazioni delle rimanenze finali;
MENO
costi delle materie prime, sussidiarie, di consumo e merci;
costi per servizi;
ammortamenti;
canoni di locazione, anche finanziaria, dei beni strumentali (materiali ed immateriali).

Metodo di bilancio

Con il c.d. "metodo di bilancio" previsto per le società di capitali la base imponibile Irap viene determinata considerando i componenti positivi e negativi imputati a Conto economico, a prescindere dalle variazioni operate ai fini fiscali nella dichiarazione dei redditi, a condizione comunque che gli stessi siano inerenti.

Opzione

Il regime "naturale" di determinazione del valore della produzione netta dei soggetti Irpef (società di persone e imprese individuali) è quello "fiscale" illustrato nel primo paragrafo.
È possibile per gli stessi, però, optare per la determinazione del valore della produzione riservato alle società di capitali (metodo di bilancio).

Condizione essenziali per poter eventualmente esercitare tale opzione è che il soggetto, sia esso società di persone che impresa individuale, si trovi nel regime contabile ordinario e che tale opzione sia esercitata nel termine prestabilito dall'apposito provvedimento.
Detta comunicazione deve essere inoltrata all'Agenzia delle Entrate, pena l'inefficacia dell'opzione stessa, entro il termine di 60 giorni dall'inizio del periodo d'imposta per il quale si intende applicare la disciplina in parola.

Per il 2013, il termine ultimo è l'1 marzo 2013.
L'opzione:
è irrevocabile per tre periodi d'imposta;
al termine del triennio si intende tacitamente rinnovata per un altro triennio, a meno che l'impresa non opti per la determinazione del valore della produzione netta secondo le regole proprie delle società di persone e degli imprenditori individuali; anche in questo ultimo caso, l'opzione è irrevocabile per un triennio e tacitamente rinnovabile.

Convenienza

Sussistono diversi elementi che possono influire o meno sulla scelta da operare.
La convenienza all'esercizio dell'opzione è collegata alla presenza di voci di spesa per le quali, a fronte della totale rilevanza civilistica, è prevista solo una parziale deducibilità fiscale.

A titolo esemplificativo, in caso di opzione per il metodo di calcolo della base imponibile Irap a valori di bilancio:
sono totalmente deducibili:
l'ammortamento e le spese per le autovetture;
le spese telefoniche;
le spese di rappresentanza;
le manutenzioni eccedenti il 5%;
gli oneri diversi di gestione.
con riguardo agli immobili – patrimonio, i relativi ricavi/costi rilevano sulla base di quanto imputato a conto economico e non invece secondo le risultanze catastali utilizzabili nell'ipotesi di applicazione del metodo fiscale;
le plus/minusvalenze rilevano per l'intero ammontare, a prescindere dall'eventuale rateizzazione fiscale.

Gli elementi che risultano tassabili o indeducibili a prescindere dal metodo di determinazione del valore della produzione netta ai fini Irap non influiscono sull'esercizio dell'opzione.

Ad esempio:
concorrono sempre al calcolo di tale valore i maggiori ricavi da adeguamento agli studi di settore;
sono sempre indeducibili:
i costi del personale;
gli interessi dei canoni leasing;
le perdite su crediti;
l'Imu.

Distinti saluti