Ai gentili Clienti
Loro sedi


OGGETTO: Il rimborso dell'Iva a credito

Presupposti per la richiesta del rimborso del credito Iva

È possibile chiedere il rimborso del credito risultante dalla dichiarazione annuale nelle seguenti situazioni:
cessazione dell'attività:
possono chiedere il rimborso i contribuenti che hanno cessato l'attività nel corso del 2012.

Se l'eccedenza a credito supera 2.582,28 euro è possibile chiedere il rimborso in tutte le situazioni di seguito elencate:
aliquota media:
i contribuenti che esercitano attività che comportano l'effettuazione di operazioni soggette a imposta con aliquote inferiori a quelle dell'imposta relativa agli acquisti e alle importazioni. Questa condizione si realizza se l'aliquota media sulle operazioni attive, aumentata del 10%, risulta inferiore all'aliquota media sugli acquisti e sulle importazioni. Vanno esclusi dal calcolo dell'aliquota media solamente le cessioni e gli acquisti di beni ammortizzabili;
operazioni non imponibili:
i contribuenti che effettuano operazioni non imponibili (cessioni all'esportazione e operazioni assimilate, cessioni intracomunitarie) per ammontare superiore al 25% di tutte le operazioni effettuate. La percentuale va arrotondata all'unità superiore. Nel calcolo rientrano anche i corrispettivi delle eventuali cessioni di beni ammortizzabili;
beni ammortizzabili e studi/ricerche:
é possibile chiedere il rimborso della parte rappresentata dall'imposta relativa agli acquisti e importazioni di beni ammortizzabili registrati nel 2012 o anche in anni precedenti (sempreché non sia già stata chiesta a rimborso o compensata in detti anni), ovvero agli acquisti di beni e servizi per studi e ricerche registrati nel 2012;
operazioni non territoriali:
il presupposto riguarda i contribuenti che hanno effettuato prevalentemente operazioni escluse dal campo di applicazione dell'Iva per mancanza del presupposto territoriale (es. servizi generici a committenti esteri); sussiste se l'importo delle operazioni non territoriali supera il 50% di tutte le operazioni effettuate;
soggetti esteri:
è riconosciuto il diritto al rimborso del credito ai soggetti passivi non stabiliti in Italia, che operano nel nostro Paese attraverso un rappresentante fiscale o attraverso l'identificazione diretta;
produttori agricoli e ittici:
i soggetti che applicano il regime speciale per l'agricoltura, qualora vendano prodotti senza addebitare l'imposta possono chiedere il rimborso della detrazione compensativa calcolata sull'Iva teoricamente applicabile alle suddette cessioni.

Minor credito del triennio
Infine, a prescindere dall'entità del credito, qualora non ricorra nessuna delle ipotesi suddette, il contribuente che per tre anni consecutivi abbia presentato la dichiarazione a credito può chiedere il rimborso del minore credito dei tre anni; a tal fine, le eccedenze risultanti dalle dichiarazioni devono essere considerate al netto di quanto eventualmente utilizzato in compensazione orizzontale con il modello F24.

Modalità e termini per la richiesta del rimborso

Per le richiesta di rimborso è necessario compilare il rigo VX4 del modello Iva.
Nel rigo VX4, campo 1 va, infatti, indicato l'importo del credito risultante dalla dichiarazione annuale del quale si intende chiedere il rimborso.

Il campo 3 deve essere compilato indicando il codice corrispondente alla causale del rimborso sulla base delle fattispecie sopraesposte.

In particolare è necessario indicare:
Codice 1 –cessazione di attività;
Codice 2 –aliquota media;
Codice 3 –operazioni non imponibili;
Codice 4 –acquisti e importazioni di beni ammortizzabili e di beni e servizi per studi e ricerche;
Codice 5 – operazioni non soggette all'imposta;
Codice 6 –condizioni previste dall'articolo 17, comma 3 (Soggetti non residenti in Italia);
Codice 7 – operazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli;
Codice 8 –rimborso della minore eccedenza detraibile del triennio;
Codice 9 – Coesistenza più presupposti;
Codice 10 – Rimborso della minore eccedenza di credito non trasferibile al gruppo Iva.

I contribuenti che presenteranno la dichiarazione unificata trovano un corrispondente rigo nel quadro RX del modello Unico 2013, il quale presenta la medesima struttura del rigo VX4.
In particolare:
nel mod. UNICO PF è presente il RX33;
nel mod. UNICO SP è presente il rigo RX44;
nel mod. UNICO SC è presente il rigo RX44;
nel mod. UNICO ENC è presente il rigo RX44.

Distinti saluti